PRESENTAZIONE


vision5

BarberoDesign è un gruppo di lavoro e ricerca attivo nell’area del Design con sede operativa a Torino e sede legale a Milano. Nasce nel 1993 dall’attività e dalla passione del Designer Fabrizio Barbero. Dopo gli studi alla Scuola Politecnica di Milano, sotto la guida di docenti quali Bruno Munari, Perry King, Nino di Salvatore, ha avuto modo di collaborare con alcuni Maestri del Design Italiano quali Vittorio Gregotti, Pierluigi Cerri, Massimo Morozzi, Hans Von Klier, Achille Castiglioni. Ha collaborato e collabora con diverse Aziende italiane e straniere ed Enti Pubblici, oltre ad un’attività di insegnamento come docente a contratto presso la Scuola del Design del Politecnico di Milano. Lo studio BarberoDesign e una rete globale costituita negli anni da fornitori in vari campi tecnologici e con altre Società partner, si propone per la progettazione e la realizzazione di spazi, allestimenti, oggetti e comunicazioni multisensoriali. Attraverso il marchio Bedizionidesign lo studio BarberoDesign progetta e distribuisce libri e applicazioni multimediali per bambini, oltre a oggetti, spazi e laboratori creativi.

 

VISION

vision7

Lo studio BarberoDesign è impegnato nel processo ideativo di oggetti, spazi e comunicazioni multisensoriali. La sua attività progettuale si configura nei campi dell’industrial design con oggetti domestici e professionali, dell’interior design con spazi abitativi, lavorativi e commerciali, pubblici e privati, dell’exhibit design con luoghi ed eventi di presentazione e promozione, del graphic, del brand & corporate design. Tra gli obiettivi fondamentali lo studio BarberoDesign pone la possibilità di affrontare il progetto di design nella sua interezza, attraverso le sue logiche strategiche, formali, materiali ed economiche. Ritiene che tutto il processo meriti una particolare attenzione mirata ad una costante definizione teorica e ad una appassionata divulgazione didattica attraverso scritti, lezioni e seminari di studio. La scommessa della sua attività è il tentativo di bilanciare il valore del progetto, insieme inscindibile di sperimentazione e innovazione, con le esigenze e i limiti necessari suggeriti dalla committenza. Il risultato auspicato è quello di ottenere un prodotto multicomunicativo carico di usabilità, energia, passione, sorpresa…